In questo post, diamo un’occhiata a come scaricare Python, dove recuperare i migliori tutorial introduttivi su Python, installare il framework BackTrader e infine verificare che sei in grado di accedere al framework all’interno di Python. Se sei ancora indeciso quale framework di backtesting o linguaggio di programmazione usare, puoi consultare l’articolo sui linguaggi di programmazione e gli ambienti di backtesting.

Nota: Questo post non va oltre il semplice settaggio di un ambiente di sviluppo per Python. Puoi quindi saltare questo articolo se hai già esperienza nell’uso di Python e pip.

Installare Python

Linux:

Se sei un utente Linux, sei molto fortunato. Molto probabilmente Python è già installato. In effetti, potrei scrivere cose superflue poiché non conosco nessun utente Linux che non sia già a conoscenza e / o abbia già armeggiato con Python in passato.

Mac OS:

Ce l’hai, ma non lo usi… La versione di Python installata con il sistema operativo è destinata esclusivamente al sistema. Alcune persone lo chiamano “system python”. Perché non dovresti usarlo? Da sottolineare che questa versione di Python è la vecchia versione python 2 mentre la maggior parte dei tutorial su questo sito è codificato con python 3. Un altro problema è che l’aggiornamento di Mac OS può potenziale per interrompere alcuni degli aggiornamenti installati sulla versione di sistema di python. Inoltre, alcuni pacchetti sono difficili da aggiornare a causa delle modifiche apportate da Apple nella versione python del sistema. Infine, il sistem python è disponibile solo tramite il terminale. Non c’è alcuna voce nella cartella delle applicazioni e nessun programma di avvio su cui fare clic.

Quindi, come puoi immaginare, ti consiglio di scaricare e installare una nuova versione di Python. Dopo aver scaricato e installato Python, avrai una cartella Python 3.x nella cartella delle applicazioni.
Questa ha un IDE (un ambiente di sviluppo) per scrivere ed eseguire il codice Python. Inoltre viene anche installato un launcher python che essenzialmente consente di avviare (eseguire) script Python facendo doppio clic su di essi.

Quindi iniziamo:

Per prima cosa vai alla pagina dei download sul sito Web python.org facendo clic qui.

Quindi scegli di installare l’ultima versione di Python 3. (secondo link dall’alto)

Dove aver scarico l’installer, è sufficiente seguire i classici steps per l’installazione di un software sul MAC.

Per verificare se Python è stato installato correttamente è sufficiente:

  1. Aprire un Terminale (se non sai dove si trova l’applicazione Terminale, puoi aprire una finistra di ricerca e digitare “terminal”)
  2. Digitare python3 nel termnale e premere Enter.

Si dovrà ottenere un risultato simile al seguente:

Per uscire dalla shell di python è necessario digitare quit() e premere Enter. (Questa è una funzione “built-in” per uscire dalla shell.)

Windows:

Windows non prevede nessuna versione di Python installata per default. Rispetto al Mac, questo rende le cose più semplici perchè non ci si deve preoccupare di un “python di sistema”. Come sopra, si inizia dalla pagina dei download di Python, facendo clic qui.

Una volta caricata la pagina, si seleziona di nuovo il secondo collegamento dall’alto, l’ultima versione di Python 3. Sembra identico allo precedente screenshot per Mac OS tranne che la scritta “Mac OS X” è sostituita con “Windows” (come ci si aspetterebbe!).

Dopo aver scaricato il programma di installazione, seguire i soliti passaggi per l’installazione per i software in ambiente Windows. Nella prima schermata di installazione è necessario assicurasi di selezionare:

  1. Installa per tutti gli utenti
  2. Aggiungi Python 3.x al PATH.
Per verificare che python sia stato installato correttamente, è sufficiente aprire un prompt dei comandi e digitare python. Da notare che non è necessario specificare ‘python3’ poiché su Windows non è possibile installate contemporaneamente diverse versioni di Python. L’output che si dovrebbe ottenere è lo stesso di quello per il Mac OS.
Per uscire dalla shell di python si deve digitare quit() e premere Enter. Questa è la funzione “built-in” per uscire dalla shell…

Primi passi con Python

Una volta installato Python 3, ti consiglio di imparare alcune nozioni di base in modo da comprendere completamente la logica alla base di BackTrader. Sia che tu preferisca imparare con un libro, sul Web o sporcarti le mani nei documenti ufficiali, hai  moltissime opzioni per apprendere tutte le funzionalità di questo linguaggio. Ho verificato la bontà dei contenuti che consiglio di seguito.

Gran parte di ciò che faremo nel trading si riduce al construtto “If this happens then do that“. Almeno all’inizio lLe competenze di base dovrebbero essere sufficienti, quindi non pensare di dover trascorrere mesi a studiare. Credo fortemente che il modo migliore per imparare le cose sia studiarle man mano che si va avanti con la sperimentazione e implementazione. Se passi troppo tempo a fare tutorial su progetti che non ti interessano, è facile annoiarsi e sentirsi frustrati quindi si rimarrà inevitabilmente bloccati.

Alcune concetti basi da imparare sono:

  • Assegnare variabili
  • Operazioni di base
  • Dichiarazioni If / Else
  • I cicli loop
  • Scrivere funzioni
  • Le basi delle Classi

Sul Web – Python Programming

https://pythonprogramming.net/introduction-to-python-programming/

​Questo sito offre una serie di eccellenti tuturial su una vasta gamma di argomenti. Meglio ancora, Harrison (l’autore) fornisce video e commenti ad ogni lezione della serie. Probabilmente il miglior sito sulla rete relativo alla programmazione in Python.

Purtroppo non ho trovato nulla di paragonabile (in termini di quantità e qualità) in italiano.

Ecco una copia del video di Harrison relativo all’introduzione della programmazione in Python:

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Libri – Automatizzare le cose noiose con Python

Automatizzare le cose noiose con Python. Programmazione pratica per principianti assoluti fornisce progetti di automazione rivolti al principiante. L’aspetto interessante è che tali progetti hanno impatto nella nostra vita quotidiana. Si lavora con la gestione dei file, i fogli Excel, le ricerche sul web ecc. Trovo che non ci sia nulla di più soddisfacente che ottenere un uso pratico e regolare da qualcosa che hai codificato.

Sporcarsi le mani - I docs ufficiali

Python fornisce un’ottima documentazione sul proprio sito ufficiale. All’inizio alcuni potrebbero trovare la documentazione un po ‘intimidatoria (specialmente quelli senza background informatico) ma è necessario attenersi ad essa. Una volta che ci si è abituati, questo diventa una preziosa risorsa.

https://docs.python.org/3/

Il framework BackTrader

Per installare pacchetti e framework di terze parti in Python utilizziamo uno strumento chiamato “pip” (pip3 in python3). Questo è lo strumento di gestione dei pacchetti in python, cioè si occupa del download, l’installazione, l’aggiornamento e la rimozione del codice sorgente richiesto dai pacchetti di terze parti. Apri un terminale o una console e digita il seguente comando: pip3 install backtrader Semplice! Dovresti vedere pip entrare in azione ed iniziare a scaricare / installare i pacchetti. Una volta completato puoi verificare l’installazione aprendo una shell python, digitando python3 nel terminale e premendo invio. Quindi digitare i seguenti comandi, una riga alla volta (premendo invio alla fine di ogni riga):
import backtrader
print(backtrader.__version__)

Dovresti vedere il numero della versione stampato a video:

Se ricevi degli errori, puoi pubblicali di seguito nella sezione dei commenti e possiamo dare loro un’occhiata (e quindi aggiornare questa pagina le secondo necessità)

Recommended Posts