Tipicamente, un trader algoritmico principiante che opera a livello “retail” si interroga su come poter avere successo nel trading, dovendo competere con i grandi fondi quantistici istituzionali. In questo articolo vorrei sostenere che, a causa della natura del contesto normativo dove operano – come ad esempio, la struttura organizzativa e la necessità di mantenere le relazioni con gli investitori, i fondi soffrono di alcuni svantaggi che non riguardano i trader algoritmici al dettaglio.

 

I limiti di capitale e i vincoli normativi imposti ai fondi di investimento causano determinati e prevedibili comportamenti, che possono essere sfruttati da un operatore al dettaglio. “I grandi soldi” muovono i mercati, e come tale si possono inventare molte strategie per trarre vantaggio da tali movimenti. In futuro scriverò articoli su alcune di queste strategie. In questa fase vorrei evidenziare i vantaggi di cui gode un  trader algoritmico rispetto ai grandi fondi di investimento.

 

Vantaggi del Trading

Ci sono molti modi in cui un algo trader “retail” può competere con un fondo durante il processo di trading, ma ci sono anche alcuni svantaggi:

  • Capacità – Un operatore al dettaglio ha una maggiore libertà di operatività nei mercati più piccoli. Possono generare ritorni significativi in questi spazi, dove i fondi istituzionali non possono.
  • “Cavalcare” il trade – I fondi subiscono il “trasferimento di tecnologia”, dato che il turnover del personale può essere elevato. Gli accordi di non divulgazione e gli accordi di non competizione possono mitigare il problema, ma portano comunque molti fondi quantistici ad “inseguire lo stesso trade”. Il sentimento capriccioso degli investitori e la “prossima cosa calda” amplificano il problema. I trader al dettaglio non sono costretti a seguire le stesse strategie e quindi possono essere indipendenti dall’operatività dei fondi più grandi.
  • Impatto sul mercato – Quando si opera in mercati altamente liquidi e non-OTC, il basso capitale di conti “retail” riducono sostanzialmente l’impatto sul mercato.
  • Leverage – Un trader al dettaglio, a seconda della sua configurazione legale, è vincolato dalle normative sul margine / leva finanziaria. I fondi di investimento privati non soffrono dello stesso svantaggio, sebbene siano ugualmente soggetti a tale vincolo in una prospettiva di gestione del rischio.
  • Liquidità – Avere accesso a una brokerage prioritario è fuori dalla portata del trader algoritmico al dettaglio. Devono “arrangiarsi” con un intermediario al dettaglio come Interactive Brokers. Quindi, vi è un accesso ridotto alla liquidità in alcuni strumenti. Anche l’instradamento degli ordini “retail” è meno efficiente ed è una causa delle diffirenza delle prestazioni della strategia tra backtesting e live-trading.
  • Flusso di notizie dei clienti – Potenzialmente, il più importante svantaggio del trader al dettaglio è la mancanza di accesso al flusso di notizie prioritario tra un intermediario o istituto di credito e i loro clienti. I trader retail devono fare uso di fonti non tradizionali come gruppi di meetup, blog, forum e riviste finanziarie ad accesso pubblico.

 

Gestione del rischio

I trader algoritmici al dettaglio adottano spesso un approccio alla gestione del rischio diverso rispetto ai fondi quantitativi più grandi. Spesso è vantaggioso essere “piccoli e agili” nel contesto del rischio.

Fondamentalmente, non vi è alcun budget di gestione del rischio imposto al trader oltre a quello che decide di rischiare in completa autonomia, né esiste un reparto di compliance o risk management che imponga il controllo. Ciò consente al trader al dettaglio di implementare metodologie di modellazione del rischio personalizzate o preferite, senza la necessità di seguire “standard di settore” (un requisito implicito per gli investitori).

Tuttavia, l’argomento alternativo è che questa flessibilità può portare i trader al dettaglio a diventare “sciatti” con la gestione del rischio. Le politiche di gestione del rischio possono essere integrate nel processo di backtest e di esecuzione, senza ulteriori considerazioni date dall’analisi del portafoglio del rischio nel suo insieme. Sebbene il “pensiero profondo” possa essere applicato al modello alfa (strategia), la gestione del rischio potrebbe non raggiungere un simili livello di attenzione.

 

Relazioni con gli investitori

Gli investitori esterni sono la differenza fondamentale tra i trader al dettaglio e i grandi fondi. Ciò comporta una serie di problematiche e processi di gestioni per i fondi di investimento – problemi di cui i trader al dettaglio non devono preoccuparsi di:

  • Struttura retributiva – Nell’ambiente del trading “retail”, il trader è interessato solo al rendimento assoluto. Non ci sono limiti di budget da rispettare e nessuna regola di gestione del capitale da seguire. I trader al dettaglio sono anche in grado di seguire curve di equity più volatili poiché non ci sono investitori esterni che monitorano le prestazioni delle operazioni e che potrebbero riscattare il loro capitale dal fondo.
  • Regolamentazione e rendicontazione – Oltre alla tassazione, il trader al dettaglio ha pochissimi obblighi normativi in ​​materia di segnalazione. Inoltre, non è necessario fornire report sulle prestazioni mensili o “vestire” un portfolio prima che venga inviata una newsletter del cliente. Questo è un grande risparmio di tempo.
  • Confronto con benchmark – I fondi non devono confrontarsi solo con i loro pari, ma anche con “benchmark di settore”. Per un fondo azionario americano long-only, gli investitori vorranno vedere, ad esempio, rendimenti superiori all’S&P500. I trader al dettaglio non subisco la stessa pressione durante il confronto delle loro strategie con un benchmark.
  • Commissioni sulle performance – Lo svantaggio di gestire il proprio portafoglio come un operatore al dettaglio è la mancanza di ricevere le commissioni di gestione e di rendimento che i fondi di investimento applicano ai loro clienti.

 

Tecnologia

Un’area in cui il trader al dettaglio ha un vantaggio significativo è la scelta dello stack tecnologico per il suo sistema di trading. Il trader non solo può scegliere i “migliori strumenti di lavoro” che preferisce, ma non ha problemi di integrazione dei sistemi legacy o sulle politiche IT a livello di azienda. Inoltre i principali e più recenti  linguaggi di programmazione, come Python o R, hanno ha disposizione pacchetti per costruire un sistema end-to-end di backtesting, esecuzione, gestione del rischio e portfolio management con un numero di linee di codice molto inferiore (LOC) che potrebbe essere necessario in un linguaggio più dettagliato come C ++ .

 

Tuttavia, questa flessibilità ha un prezzo. Si deve costruire lo stack o esternalizzarlo (in tutto o in parte) ai fornitori software . Questo è costoso in termini di tempo, capitale o entrambi. Inoltre, un trader deve eseguire il debug di tutti gli aspetti del sistema di trading – un processo lungo e potenzialmente scrupoloso. Tutte le macchine di ricerca e tutti i server co-localizzati devono essere pagati direttamente dai profitti del trading poiché non ci sono commissioni di gestione per coprire le spese.

 

In conclusione, si può vedere che i trader al dettaglio hanno vantaggi comparativi significativi rispetto ai fondi più grandi. Potenzialmente, ci sono molti modi in cui questi vantaggi possono essere sfruttati. Gli articoli successivi discuteranno alcune strategie che fanno uso di queste differenze.

 

Recommended Posts